Home Tradizioni, Feste&Eventi Prima edizione de "la Primavera nel Castello" - maggio 2006
Prima edizione de "la Primavera nel Castello" - maggio 2006 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 31 Maggio 2006 01:00

Grande successo per la prima edizione della festa “Primavera nel Castello, , tappa di Ponti nel Tempo, che si è svolta a Castiglione sabato 20 e domenica 21 maggio. Una manifestazione a tema, protagonisti gli Erbi buoni e cattivi nella tradizione popolare della gastronomia e della medicina. Periodo riuscitissimo per la festa, visto che proprio in quelle settimane molti castiglionesi hanno l’abitudine di recarsi nei prati e nei boschi per raccogliere alcuni tipi di erbi che, come da tradizione tramandata di famiglia in famiglia, vengono utilizzati nella preparazione di gustose pietanze. La giornata di sabato è cominciata con l’apertura delle mostre tematiche su “I Funghi Primaverili”, “Gli erbi buoni e cattivi”, “La lettura degli alberi” e i “disegni sugli erbi” curate da: Gruppo Micologico Lucchese, Orto Botanico Pania di Corfino, Comunità Montana Garfagnana e Istituto Comprensivo che sono rimaste a disposizione del pubblico in entrambe le giornate, unitamente al mercatino dei prodotti tipici e dell’artigianato di Ponti nel Tempo. A metà mattinata castiglione ha ospitato per il ristoro i partecipanti alla camminata storica “S. Pellegrino - Gallicano”, mentre la sala consiliare del comune ha visto svolgersi un’interessantissima conferenza sul tema “Gli erbi nella tradizione popolare della gastronomia e della medicina” , dove sono intervenuti esperti, professori e cultori degli erbi, ad affrontare le problematiche degli ogm, gli aspetti magici e medicinali delle piante spontanee, l’importanza delle piante antiche e gli interventi per salvarle. A questo proposito l’Orto Botanico della Pania di Corfino ha realizzato nella piazza una splendida esposizione di un nutrito numero di specie di piante tipiche del nostro territorio, con relativa scheda informativa. Il primo giorno si è concluso con uno spettacolo teatrale di notevole livello artistico, che si è svolto nel suggestivo sagrato della chiesa di S. Michele.

Nella giornata di domenica i visitatori hanno avuto la possibilità di pranzare negli spazi al coperto predisposti nella piazza ed assaggiare le specialità culinarie preparate dalle cuoche della Pro Loco; ovviamente l’hanno fatta da padrone la zuppa con erbi selvatici e la frittata con vezzadri. Ma l’evento clou della giornata, atteso con trepidazione da tutti i castiglionesi, è stata la “Sagra del Vino Nostrato” che per la prima volta quest’anno ha sperimentato il riuscitissimo percorso degustativo nelle vie del borgo con giuria popolare, ideato e realizzato dalla Pro Loco capitanata da Uberto.

Gli ospiti hanno così avuto la possibilità di iscriversi e percorrere le viuzze del borgo assaggiando di tavolo in tavolo i vini dei produttori castiglionesi iscritti alla gara: ben 36! Ovviamente tutti i “pistoni” rigorosamente numerati in forma anonima per non scatenare ulteriormente la già nota indole agonistico-polemica dei produttori di vino locali. Il tutto in un’atmosfera di allegra goliardia all’insegna di regolari sfottò da parte degli “assaggiatori”, i cui palati sono stati messi a dura prova dai “prelibati” vini locali.... alcuni di loro si sono rifatti assegnando voti impietosi nella scheda di valutazione con aggiunta di simpatici commenti. Vincitore assoluto con 513 punti il vino di ABRAMI OTTAVIANO, seguito dal produttore Bertoncini Luigi di Campori con 473 punti, mentre il terzo posto sul podio se l’è aggiudicato Lunardi Piero con 467 punti. La giornata è finita con la piazza gremita di strani personaggi ad andatura claudicante che si aggiravano per i tavoli e gli stand con appesa al collo una sospetta sacchetta rossa porta bicchiere. Manifestazione perfettamente riuscita che aspetta solo di essere replicata il prossimo anno. Ringraziamenti particolari a tutti coloro che hanno reso possibile il suo svolgimento: Associazioni Paesane, Amministrazione Comunale, Comunità Montana Garfagnana, Ponti nel Tempo, Francigena Festival.