Home Tradizioni, Feste&Eventi LA FESTA DEL REGALO SI RINNOVA
LA FESTA DEL REGALO SI RINNOVA PDF Stampa E-mail
Scritto da ValeFole   
Martedì 17 Aprile 2012 11:04

Domenica 1 gennaio Castiglione ha iniziato l’anno celebrando la secolare Festa del Regalo, rinnovando così il voto che i castiglionesi fecero alla Madonna nel lontano 1631 per ringraziarla dallo scampato pericolo della peste che aveva messo in ginocchio l’intera Garfagnana.

La cerimonia prevede che il Regalo si svolga nella prima domenica dell’anno e da allora così è sempre stato. Quest’anno, ad interpretare il ruolo più importante del bambino che consegna oro, incenso e mirra al bambin gesù, è stato il piccolo Marco Galligani, che assieme a papà Ruggero, mamma Barbara e al fratellino Alessandro ha affrontato con serietà il compito assegnatogli, dapprima nella sala consiliare poi lungo il corteo accompagnato dalle autorità, dai figuranti storici e dalla Filarmonica Alpina fino ad arrivare alla Chiesa di S. Michele dove si è celebrata la messa solenne officiata da Don Giovanni Grassi. Come sempre la partecipazione della comunità di Castiglione è stata considerevole, a testimonianza di quanto sia sentita questa celebrazione. I festeggiamenti sono proseguiti anche nel pomeriggio con il rinfresco offerto dalla famiglia del bambino e la partecipazione della filarmonica alpina, oltre che dei paesani che si sono stretti attorno al festeggiato.

CURIOSITA’

Segnaliamo una “prova fedeltà” degna di nota: il papà del bambino, Ruggero Galligani, è uno storico componente del complesso “I Sombreros” del quale fanno parte anche Andrea Lucchesi, Piero Giannotti e Claudio Rossi, sempre accompagnati dall’immancabile “parente”. Ebbene, la sera prima della Festa del Regalo, a molti non sarà sfuggito, era la sera di S. Silvestro e come di consueto i Sombreros sono stati impegnati tutta la notte a suonare presso il ristorante il Casone; in pochi ci avrebbero creduto ma con due ore scarse di sonno sulle spalle, non solo il padre del piccolo Marco era presente e vigile alla cerimonia ma è stato supportato ed affiancato anche da tutti gli altri componenti del complesso (e tutti componenti della Filarmonica Alpina) che non potevano certo mancare ad un così importante appuntamento mantenendo così la promessa fatta al collega Ruggero.

Complimenti ai sombreros che hanno dato prova di grande resistenza fisica… cedendo alle braccia di morfeo solo nel tardo pomeriggio dopo aver suonato anche nella festa del pomeriggio

 

alt

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Aprile 2012 18:56