Home Filarmonica Alpina CONCERTO FINE ANNO 2010 FILARMONICA ALPINA CASTIGLIONE
CONCERTO FINE ANNO 2010 FILARMONICA ALPINA CASTIGLIONE PDF Stampa E-mail
Scritto da Marco Togneri   
Venerdì 14 Gennaio 2011 00:00

Nella chiesa di San Michele a Castiglione, lo scorso 29 dicembre la Filarmonica Alpina ha concluso il suo anno con il concerto di Natale, occasione che ormai da molto tempo viene utilizzata per proporre musica, ma anche per dare un piccolo aiuto ad associazioni di volontariato. Quest’anno la somma raccolta dai presenti è stata interamente devoluta all’associazione “Gli Amici di Elsa”, di Castelnuovo Garfagnana che si occupa di bambini diversamente abili dando loro la possibilità di svolgere musico terapia, danza terapia, laboratorio creativo, piscina e ippoterapia. Un importantissimo supporto sia ai bambini con gravi difficoltà che ai loro familiari nel superamento dei disagi e delle difficoltà del percorso della rieducazione, riabilitazione e inserimento nella società. Come di consueto, molte le persone che non sono volute mancare a questo appuntamento e già prima che il concerto avesse inizio la chiesa era colma di gente, tanto che in molti non hanno trovato posto a sedere e sono rimasti in piedi. La serata è stata presentata, a sorpresa, dalla bravissima Anna Gaia, di Pisa ma ormai habitué di Castiglione per motivi sentimentali, che ha deliziato i presenti dando prova di grande dimestichezza grazie anche ad anni di attività teatrale. La banda, ha iniziato il proprio concerto con una marcia che per i Castiglionesi è un vero e proprio inno: “A Claudia” del M° Lucchesi. Nella prima parte del concerto sono stati riproposti alcuni brani che la filarmonica aveva già eseguito nell’estate 2010 e l’effetto che ha provocato sul pubblico ad ascoltarli a distanza di alcuni mesi, quando le giornate erano lunghissime ed il termometro segnava temperature elevate, è stato sicuramente piacevole. Per terminare la prima parte in bellezza, l’Alpina ha riproposto un’ouverture tratta dall’omonima operetta che Franz von Suppè scrisse nel 1846; “Poeta e Contadino”. Nell’eseguire questa sinfonia, il M° Cav. Marcalli Silvano insieme a tutti i componenti della banda, hanno dato luogo ad una esibizione veramente di ottima levatura, interpretando il brano come meglio non avrebbero potuto. Il pubblico ha ascoltato con trasporto per tutta la durata del pezzo, per poi una volta terminato, ripagare con applausi veramente calorosi e sentiti. Nella seconda parte, a fare il loro ingresso sulla scena sono stati i cori di Castiglione Chiozza e Cerageto, che hanno eseguito due brani insieme alla banda. Il primo l’ormai collaudato “Nel Tempo” del M° Mauro Peccioli, ed a seguire tratti dalla splendida opera di Giuseppe Verdi della “Traviata”, il “Preludio” ed il “Libiamo né lieti calici”. Brani suonati e cantati bene da tutti gli interpreti, che sicuramente hanno dato un valore aggiunto a tutto il concerto. Visto il grande successo, speriamo tutti che questo felice connubio possa ripetersi anche in futuro. La Filarmonica ed i cori si sono congedati dal loro pubblico con il più classico dei canti Natalizi, “Tu scendi dalle stelle” che ha così concluso il concerto. Naturalmente, a chiusura di serata, c’è stato uno spuntino aperto a tutti presso la sala musica, dove con calma tutti gli intervenuti si sono reciprocamente scambiati gli auguri di buon anno.

Marco Togneri